Dintorni di Muscat

A nord di Muscat, una serie di cittadine di basso profilo punteggia la costa fino al confine con gli Emirati Arabi Uniti. Tra queste ricordiamo la vivace Seeb, appena fuori dalla capitale, la più tranquilla Barka, che ospita un rinomato forte e la maestosa casa Bait Na’aman dove è possibile vedere come erano arredate le case in tempi antichi, e l’estesa Sohar, una delle più antiche città del paese, sebbene ne rimangano oggi solo pochi resti.

Poco lontano dalla capitale si estende la catena montuosa del Hajar, spina dorsale geologica dell’Oman che si sviluppa lungo la costa est del paese, da Sur fino alla Penisola di Musandam, formando un arco che corre da nord-ovest a sud-est.

Tra le vette più rinomate dell’intera catena spicca certamente il Jebel Shams, nome che letteralmente significa “montagna del Sole” e rappresenta la più alta del paese. La città più importante della regione è indubbiamente l’antica Nizwa.

Con il suo imponente forte si è sviluppata all’interno di un’oasi montuosa e fu scelta poi come residenza da moltissimi imam. Si dice che sia una delle città più accoglienti per i turisti, i quali potranno inoltre fare ottimi acquisti al suo famoso suq dove abilissimi artigiani espongono le loro elaboratissime creazioni lavorate esclusivamente a mano.

Altri due paesini molto caratteristici della zona sono Al Hamra e Misfat al Abryeen. Il primo è un delizioso villaggio con tipiche case in mattoni di argilla che sorge in una lussureggiante oasi ricca di palme, mentre l’altro è costituito da un raggruppamento di piccoli edifici di pietra color ocra circondato da bougainville e palme di banane.

All’ombra della catena montuosa del Hajar, verso nord, si trova la regione di Al-Batinah, una delle coste più fertili, dove spiagge di finissima sabbia sono protette da distese di palme. Imperdibile è la Rustaq Loop, un percorso che vi permetterà di alternare la vista di antichi forti caratteristici dell’Oman, a scenari di montagne rocciose. La città di Rustaq, diventata famosa per il commercio locale e la produzione di miele e del miglior halwa del paese (dolce tipico), ospita anche un’imponente forte.

Il Forte di Rustaq, costruito probabilmente da un imam, è uno dei più grandi del paese con il suo altissimo torrione circondato da mura, il proprio sistema di irrigazione Aflaj (tipico dell’Oman) e la propria moschea.

Da questa zona è facile addentrarsi nei numerosi e spettacolari wadi come il Wadi Abyad, il Wadi Bani Kharous e il Wadi Bani Auf, quest’ultimo considerato uno dei più memorabile percorsi fuoristrada del paese.